Giovedì Santo – In Coena Domini


Questa sera, con la Celebrazione del Giovedì Santo, si è dato il via al triduo pasquale. Durante la Messa, i ragazzi che a Maggio faranno la Cresima, sono diventati gli apostoli a cui il Signore, nell’ultima cena, ha lavato i piedi e a tutti, a fine Messa, è stato distribuito del pane, simbolo dell’amicizia e dell’amore del Signore. Un altro momento molto emozionante è stato quello in cui i ragazzi, che fra due settimane faranno la Comunione, hanno restituito la veste del Battesimo e hanno ricevuto e indossato, con l’aiuto dei genitori, l’abito della Prima Comunione. La Celebrazione si è conclusa con la processione verso l’altare della Reposizione dove, questa sera, alle 23.15, si pregherà nella veglia e presso il quale si sosterà in preghiera tutta la notte.

Domenica delle Palme 2018


Con la domenica delle Palme ha inizio la Settimana Santa, la Settimana più importante di tutto l’anno liturgico, che vedrà le celebrazioni del Giovedì e Venerdì Santo, che avranno il compimento nella celebrazione della Pasqua di Risurrezione, il giorno che il Signore ci ha donato per farci risorgere dalle nostre difficoltà, dai nostri dubbi e dalle nostre cattiverie. Accogliamo il Signore che viene nelle nostre vite, come la popolazione di Gerusalemme gridiamo al Signore: “Osanna al figlio di David”.

Domenica in festa

La comunità ha, oggi, avuto la possibilità di gioire e far festa per i bambini che hanno ricevuto il battesimo nell’anno appena trascorso. Il Signore li custodisca sempre nell’amore e dia loro la gioia e la spensieratezza ogni giorno della loro vita. Un altro momento di festa ha allietato la Santa Messa, una coppia ha festeggiato i 50 anni di matrimonio. Che possano ancora gioire a lungo dell’amore e della vicinanza dei propri cari, il Signore doni loro salute nel corpo e nello spirito. Tanti auguri a tutti.

Natale 2017

Il Signore arriva nelle nostre vite, con la fragilità di un bambino sconvolge le nostre esistenze e ci dona una gioia che non ha fine. Auguri a tutti di un Santo Natale.

A Roma per festeggiare

Momenti di festa e di allegria, passati in compagnia di vecchi amici, hanno contraddistinto la nostra domenica. La gioia di rivedere e poter festeggiare i 25 anni di vita consacrata della nostra cara amica suor Mirka ci ha resi molto felici e ci ha permesso di rivedere le care amiche di sempre. Tre semplici parole: fedeltà, libertà e amore. Questo il commento del sacerdote durante l’omelia, che ha sottolineato come, la scelta di suor Mirka, sia dettata dalla grande fedeltà a Dio, ma anche, e soprattutto, dalla libertà di scegliere Dio, libertà che si fa amore verso Dio e il prossimo. Auguriamo a suor Mirka di poter continuare nel suo percorso di vita con lo spirito e l’allegria che la contraddistinguono e sempre con il sorriso che noi amiamo tanto.