NOSTRA SIGNORA DI NAZARETH

Maria Nazarena, Madre di Cristo Madre nostra,
con te è la sapienza,la purezza,la speranza.
Tu che già una volta hai schiacciato sotto i Tuoi
piedi il Serpente tentatore, Tu che nella notte buia
hai dato la luce Con Gesù Cristo all’Umanità!
Rinnova in noi la forza delle Tue opere, oggi che il
serpente si riaffaccia e il buio ricade su di noi.
Tu mamma, che hai provato il dolore perdendo
Tuo figlio. perdonaci Madre Nazarena ed aiutaci
a ritrovarci intorno a Gesù Cristo.
Madre Immacolata fa’ che l’uomo si risvegli dal suo
torpore,che ritorni ad essere sensibile
affinché il sacrificio di Tuo Figlio non sia stato vano.
Amen! Scauri, settembre 2017

Dopo l’eccomi a Dio, Maria di Nazareth in fretta esce dal suo mondo per vivere sulle montagne della Giudea la solidarietà con chi ha bisogno!
Possa essere così la tua vita feriale. Un caro saluto, don Simone

Nella notte tra il dieci e l’undici agosto (a iniziare dalle 23.00 circa) sul sagrato della Chiesa di S. Albina è stato perpetrato un atto quanto meno irriverente per non dire “sacrilego” : allestito un festino, come si evince dalle tre foto! Dopo hanno lasciato tutto sporco e imbrattato il pavimento di marmo che, una volta pulito da volontari in mattinata, ha ancora evidenti i segni di sporcizia! Mi sembra del tutto inutile commentare!
Un appello alle autorità che è già stato fatto ripetutamente, anche durante l’inverno, una maggiore sorveglianza in piazza S. Albina: in questa piazza ogni notte avviene quello che non deve avvenire!!!

Grazie, papa Francesco 

Grazie, papa Francesco, per aver visitato luoghi simbolo di preti che hanno pagato di persona l’aver anticipato la Chiesa del Concilio che con il suo Pontificato sta prendendo anima.
Grazie, per aver indicato come figure da imitare 
don Primo Mazzolari “un sacerdote povero” e don Lorenzo Milani “un servitore fedele del Vangelo”, “due parroci profeti, modelli per l’oggi preti scomodi e da ascoltare”. Mi sembra un sogno quello che è accaduto con la tua presenza a Bozzolo e Barbiana. Invito sempre la comunità a pregare per te e a condividere l’insegnamento che stai dando alla Chiesa. 

Grazie, papa Francesco! don Simone